Cosa è il CeAT
incontro-1.jpg
ceat-1.JPG
ceat-2.JPG
ceat-3.JPG
ceat-4.JPG
ceat-5.JPG
ceat-6.JPG

Lo scopo del corso “6 incontri di condivisione e di approfondimento” è quello di imparare dal libro e attraverso la condivisione di gruppo. Questi incontri si basano sul “Manuale della transizione” di Rob Hopkins (2008). Il manuale offre strategie concrete per impegnarsi con la comunità locale a costruire la resilienza necessaria a fronteggiare le possibili minacce, compresa l’instabilità del clima, l’esaurimento delle risorse e la crisi finanziaria, fornendo una visione positiva per trasformare la crisi globale in un’opportunità.

Ogni incontro è strutturato da una serie di domande da tenere presente leggendo il manuale e dalle risposte che vengono condivise in gruppo.

Come Rob Hopkins scrive: “… se aspettiamo il governo, sarà troppo poco e troppo tardi; se agiamo individualmente, sarà troppo poco; ma se agiamo come comunità, potrebbe essere sufficiente e nel tempo giusto.” (Rob Hopkins)

transition_logo.jpg?w=150&h=50

Questo corso è destinato a favorire una conoscenza personale della crisi globale in cui ci troviamo e di soluzioni basate sulla comunità.

L'esperienza CeAT si articola in 6 incontri che, in modo analogo alla struttura del Manuale della Transizione, coinvolgono:

  • TESTA per capire i fenomeni in cui siamo immersi in questo momento storico
  • CUORE per sostenere la necessità di cambiamento interiore ed esteriore
  • MANI per stimolare le tante iniziaitive che ogni gruppo locale può mettere in azione.
StrutturaCEAT.pdf

COME FUNZIONA

Questo corso è progettato per essere gestito collettivamente dai partecipanti stessi. Non ha un solo leader e non c’è una persona riconosciuta come l’esperto o l’autorità in materia. Ogni settimana una persona diversa che fa parte del gruppo dovrebbe essere designato come il facilitatore, il cui ruolo è semplicemente quello di mantenere la discussione all’interno del programma prestabilito. Questo approccio è simile al modello di transizione stesso. Ci ricorda che dobbiamo imparare a guardarci reciprocamente in qualità di esperti e che individualmente dobbiamo diventare noi stessi i nostri esperti di riferimento.

Questo corso è destinato a favorire una conoscenza personale della crisi globale in cui ci troviamo e di soluzioni basate sulla comunità. Le domande per la discussione non sono scritte per sollecitare risposte giuste o sbagliate e il corso non ha la finalità di cercare soluzioni immediate. Come suggerisce il manuale, gran parte del lavoro di transizione coinvolge il “Cuore”, o la “transizione interiore”. La maggior parte di noi è cresciuta immersa in una visione culturale che valorizza il “progresso” umano al di sopra del concetto tradizionale di benessere e anche al di sopra dell’etica. Cambiare sarà difficile se non riusciremo a trasformare questa visione.

I TEMI TRATTATI NEI SEI INCONTRI

logo-1.jpg
1° INCONTRO: PICCO DEL PETROLIO E CAMBIAMENTI CLIMATICI Conoscersi meglio, Esaminare la questione del picco del petrolio, Esplorare i cambiamenti climatici, Esaminare in che modo questi problemi possono essere usati per coinvolgere la comunità.
logo-2.jpg
2° INCONTRO: LA RESILIENZA E LA RILOCALIZZAZIONE Esplorare i possibili esiti della decrescita energetica, dei cambiamenti climatici e dell’instabilità economica, Capire la resilienza e cominciare ad immaginare come si potrebbe contribuire a livello locale, Esplorare le forme che potrebbe avere la rilocalizzazione nella nostra comunità.
logo-3.jpg
3° INCONTRO: PSICOLOGIA DEL CAMBIAMENTO Considerare perché è importante riflettere e parlare di sentimenti ed emozioni in merito al picco del petrolio. Considerare il nostro atteggiamento nei confronti del cambiamento e la nostra possibile resistenza al cambiamento stesso.
logo-4.jpg
4° INCONTRO: VISIONING Esplorare il processo di visioning applicato alla Transizione, Iniziare a creare le nostre visioni positive del futuro che serviranno ad ispirare un’azione positiva.
logo-5.jpg
5° INCONTRO: TRANSIZIONE IN PRATICA Esplorare l’insieme di competenze che appartengono ai membri di questo gruppo, Esaminare i principi di transizione. Esaminare le tappe per avviare una iniziativa di Transizione. Considerare la nostra stessa comunità come candidata per le iniziative di Transizione.
logo-6.jpg
6° INCONTRO: I PROSSIMI PASSI Collegare le tue passioni personali ad attività che possano ricostruire la resilienza locale, Rivalutare il tuo senso di potere personale in relazione alle possibilità di costruire un futuro migliore. Mappare le risorse e cercare strade per promuovere la resilienza che potrebbero essere state trascurate.

Il corso è stato sviluppato da Joann Kerr, Susan Gregory e Leo Brodie di Sustainable NE Seattle (la 19° iniziativa di transizione ufficialmente riconosciuta negli Stati Uniti). Gli autori desiderano esprimere gratitudine a Sophy Banks di Transizione Totnes , che ha sviluppato l’esercizio di creazione della visione del 4° incontro di questo ciclo e di Brita Butler-Wall, che ha sviluppato l’inventario delle competenze presentato nel 5° incontro.

Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License